Distrofia muscolare di Duchenne: battaglia legale per una diagnosi tardiva

Marco è rimasto senza terapie fino all'età di 7 anni. Ora la sua famiglia ha fatto causa ai medici della ASL di Taranto per non essere riusciti a identificare la patologia

Taranto – Cristiano farebbe qualunque cosa per recuperare il tempo perduto, quei 4 anni in cui suo figlio Marco (nome di fantasia) è rimasto senza una diagnosi: tempo prezioso, perché il bambino è affetto da distrofia muscolare di Duchenne. Purtroppo, indietro non si può tornare, ma almeno si può tentare di far valere le proprie ragioni nei confronti dei medici che non stati in grado di riconoscere la malattia, ed è ciò che sta facendo suo padre, con un'azione legale contro la ASL di Taranto.

Stampa
Condividi