Fibrosi cistica, nuova estensione d’indicazione per ivacaftor

In Europa, il farmaco potrà essere usato anche in bambini e adolescenti con mutazione R117H

La Commissione Europea (CE) ha ufficialmente approvato l’estensione delle indicazioni relative a ivacaftor (Kalydeco®), un potenziatore di CFTR utilizzato per il trattamento della fibrosi cistica (FC). In Europa, da oggi, il farmaco potrà essere impiegato anche in bambini e adolescenti, di età pari o superiore a 6 mesi e di almeno 5 kg di peso, che presentano una mutazione R117H nel gene CFTR, la più comune mutazione a funzione residua all’origine della FC.

Stampa
Condividi