Registro Tumori del Veneto: un esempio di efficienza e funzionalità

E' online il nuovo sito, con informazioni dettagliate e facili da consultare.
Censito il 96% della popolazione veneta: nei maschi prevale il carcinoma prostatico (21%), nelle donne il tumore al seno (31%)

Ci sono voluti più di quarant’anni, dall’inizio della battaglia intrapresa in tanti istituiti di ricerca contro il cancro, perché il mondo medico iniziasse a dare peso agli studi epidemiologici. In Italia, i primi Registri Tumori sono stati istituiti tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni ’80 (fonte: AIRTUM), e il ruolo di tali strumenti scientifici, oggi, si è fatto ancora più importante. A testimonianza di ciò c’è il fatto che da pochi giorni è online il nuovo sito web istituzionale del Registro Tumori del Veneto (RTV), in grado di rendere disponibile al mondo scientifico, ai decisori sanitari, alle autorità regolatorie e, ultima ma non meno importante, alla cittadinanza, il patrimonio di informazioni raccolte in anni di studio.

Stampa
Condividi